Ujjayi pranayama

  • 3 min read
ujjayi pranayama

Ujjayi pranayama viene utilizzato nella maggior parte delle tecniche basate sullo yoga tantrico, al quale si aggiunge un blocco della lingua chiamato khechari mudra.

UJJAYI PRANAYAMA (IL RESPIRO PSICHICO)
Questa è una forma unica di pranayama in cui si emette un sibilo o un sussurro nella regione della gola.

KHECHARI MUDRA (BLOCCO DELLA LINGUA)
Ruotate la lingua verso l’alto e all’indietro, in modo che la superficie inferiore sia a contatto con il palato superiore.

Nel collo ci sono due organi importanti chiamati seni carotidei situati su ciascun lato dell’arteria principale che forniscono sangue al cervello, davanti al collo e appena sotto il livello delle mascelle.

Questi piccoli organi aiutano a controllare e regolare il flusso sanguigno e la pressione. Se c’è una caduta della pressione sanguigna, viene rilevata da questi due seni e il relativo messaggio viene inviato direttamente al centro cerebrale. Il cervello risponde immediatamente aumentando il battito cardiaco e contraendo le arteriole (minuscoli vasi sanguigni), aumentando così la pressione al suo livello normale. 

kechari mudra
Controllo della tensione

Ujjayi pranayama e lo stato di meditazione

Qualsiasi aumento della pressione sanguigna viene rilevato anche dai seni carotidi, che informano il cervello e vengono intraprese delle azioni opposte per correggere la situazione. La tensione e lo stress sono associati all’ipertensione. Ujjayi pranayama, applicando una leggera pressione su questi seni nel collo, li fa reagire come se avessero rilevato la pressione alta, con il risultato che il battito cardiaco e la pressione sanguigna si riducono al di sotto del normale. Si diventa fisicamente e mentalmente rilassati. Questo è il motivo per cui l’ujjayi è così importante in molte pratiche meditative. Induce un rilassamento generale, essenziale per il successo nella meditazione. Il Khechari mudra accentua questa pressione nella regione della gola e di conseguenza sui due seni carotidei.

Inoltre ujjayi pranayama rappresenta la base per le pratiche del Kriya Yoga. Questo pranayama consente inoltre di raggiungere lo stato di kevala kumbhaka, sospensione del respiro naturale.

Hari Om Tat Sat

Parte del testo è tratto dallo studio e dalla traduzione di : A Systematic Course in the Ancient Tantric Techniques of  Yoga and Kriya. Swami Satyananda Saraswati

La pratica e lo studio di questo pranayama come delle principali tecniche legate allo yoga tradizionale fanno parte di un progetto che abbiamo chiamato Systematic Yoga.

Orientiamo Students
Orientiamo Systematic

Piattaforma di pratica e studio dello Yoga Online
Da casa tua oppure in ogni luogo ti trovi, il percorso di systematic yoga vi segue online.

Percorso dedicato a chi seriamente e sinceramente vuole percorrere un percorso di crescita personale nello Yoga tradizionale.