la meditazione e la mente

La meditazione e la mente

  • 5 min read

La meditazione e la mente

Non è qualcosa di nuovo o scoperto di recente.
Cristo disse: “Il regno di Dio è dentro di voi”.
I Greci :”Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’universo”.
Nella Bhagavad Gita, il Signore Krishna “La meditazione è molto meglio della conoscenza (conoscenza intellettuale)” Ramakrishna Paramahamsa : “Il leggendario cervo muschiato cerca in tutto il mondo la fonte del profumo che viene dall’interno”

Queste persone sapevano che il percorso dell’evoluzione della consapevolezza superiore sta nello svelare i regni interiori del nostro essere. Non sta nell’assorbire totalmente o nel perderci in frenetiche azioni esterne.

Per trovarlo, tuttavia, dobbiamo immergerci nel nostro essere interiore. In un certo senso dobbiamo essere come un esploratore; ma invece di esplorare territori sconosciuti esterni dobbiamo scoprire l’ambiente interno inesplorato.

La meditazione, la mente e l’ autoinganno

Ci auto inganniamo. Partiamo dal presupposto che ciò che vediamo intorno a noi è tutto ciò che c’è.

Le persone vagano in tutto il mondo cercando di ritrovare sé stesse, senza rendersi conto che la più grande meraviglia sta dentro.

Questo è stato chiaramente sottolineato da sant’Agostino quando si lamentava: “Gli uomini viaggiano per contemplare le altezze delle montagne e le onde del mare, i grandi fiumi che scorrono e la distesa dell’oceano, eppure passano accanto a sé stessi, senza meravigliarsi”.

Vediamo solo la personalità riflessa e la scambiamo per la nostra vera natura senza renderci conto che la personalità che si manifesta al momento dipende da qualcosa di più profondo.

Trovare il nostro vero Sé è una meditazione superiore.

Anche gli scienziati moderni riconoscono che c’è molto di più in ogni persona di quanto si creda comunemente. Molti eminenti scienziati hanno fatto eco alle parole degli antichi saggi. Hanno detto che la maggior parte del nostro potenziale rimane inutilizzato. Alcuni citano il novantacinque per cento della nostra capacità latente è dormiente, altri il novanta per cento.

Lo Yoga e la psicologia moderna

Lo yoga e la psicologia moderna sono pienamente consapevoli degli strati più profondi della mente. Molti di noi hanno sentito parlare dei regni subconscio e inconscio. Tuttavia, la maggior parte di noi ha ancora  l’idea ingenua che la mente pensi solo a immagini coscienti legate al momento che viviamo. Non riusciamo a renderci conto che la mente è come un vasto computer che riceve, seleziona, analizza e rifiuta continuamente milioni di bit di dati. In un computer generalmente vediamo solo lo schermo, la stampa o il risultato finale. L’informazione all’interno della mente che normalmente non vediamo, è definita arbitrariamente, tra inconscio e subconscio. La mente è spesso paragonata a un iceberg, la mente cosciente è la decima parte che giace sopra l’acqua, e le parti inconsce e subconsce sono i nove decimi molto più grandi che sono sommersi sotto la superficie dell’acqua. Anche questo è un eufemismo grossolano, perché c’è molto di più sotto la superficie di quanto possiamo persino sognare. La mente, nei suoi regni inconscio e subconscio, contiene diverse sfaccettature dell’essere. Contiene i nostri impulsi e istinti di base, gli aspetti intellettuali e razionali del nostro essere. Inoltre è il contenitore dei ricordi primitivi con i quali non abbiamo avuto alcun collegamento nella nostra vita. Ci sono idee, visioni, sogni che sono di gran lunga più impressionanti persino del più vivido romanzo di finzione. La mente contiene gli aspetti più incredibili e quasi impossibili o completamente inconcepibili per la maggior parte di noi.Scopo della meditazione

Lo scopo dello yoga

Lo scopo dello yoga e della meditazione è portare, questi strati della mente normalmente sconosciuti, alla percezione cosciente. Viene anche usato il termine espansione della coscienza, ma questa definizione trasmette un’idea sbagliata,  perché la coscienza è il substrato o l’essenza dietro l’esistenza; in quanto tale è impossibile espandere la coscienza.

È solo conoscendo le profondità della mente che possiamo davvero conoscere noi stessi e il mondo che ci circonda.

Per analogia, considerate il mondo esterno come un cerchio orizzontale infinito. Questo cerchio rappresenta il regno del tempo-spazio e il centro rappresenta l’eternità o l’atemporalità. La maggior parte di noi limita la nostra attenzione solo al mondo esterno, rimanendo sulla circonferenza del cerchio. Troviamo impossibile entrare nel cerchio e raggiungere il centro.

L’unico modo per entrare nel cerchio e staccarci dalle nostre catene è esplorare la mente. In questo modo iniziamo a realizzare simultaneamente le verità nel mondo esterno. Più diventiamo consapevoli delle profondità della mente, più ci avviciniamo al centro del cerchio.

Quando raggiungiamo il centro, raggiungiamo l’autorealizzazione.

Meditazione e la mente il veicolo

Ogni tipo di viaggio che facciamo richiede un veicolo. Se camminiamo nel parco, le nostre gambe assumono questo ruolo. Quando viaggiamo verso una città vicina, andiamo in autobus, in treno o in auto. Mentre se andiamo in un paese al di là del mare, viaggiamo in nave o in aereo.

Il viaggio nello spazio interiore richiede anche un veicolo:
il veicolo è la meditazione.

Parte del testo è tratto dallo studio e dalla pratica dai maestri Swami Sivananda Saraswati e Swami Satyananda Saraswati

la trasformazione interiore
Il risveglio spirituale chakra
sviluppare ideali superiori kriya